Test di farmacocinetica

Distribuzione, Metabolismo ed Eliminazione (DME)
dei farmaci assunti.

Test fondamentale per conoscere la risposta individuale ad ogni terapia farmacologica
e, di conseguenza, modularne dosi e tempi di somministrazione.

A solo titolo di esempio è esperienza comune che, tra soggetti omogenei per caratteristiche fisio-biologiche, un antinfiammatorio determini, per lo stessa condizione influenzale, una remissione febbrile nel tempo e nell’effetto, profondamente diversa da un soggetto ad un altro.

Si ritiene comunemente che l’azione di un farmaco sull’individuo sia la stessa per tutti i soggetti trattati. È al contrario esperienza comune che lo stesso farmaco, per la stessa patologia, in un soggetto è più, ed in un altro meno, efficace. Questo è dovuto al fatto che ogni individuo presenta una propria reazione al farmaco, sia in termini di Distribuzione, di Metabolismo  e di Assorbimento (DME) e che questi fondamentali fattori di farmacocinetica ne influenzano in modo definitivo la farmacodinamica e, soprattutto, l’attività.

Questo dipende dalla velocità e dalla profondità di clearance del farmaco somministrato.

Per questo il PharmaSafe risulta particolarmente utile

per i pediatri

PharmaSafe per i bambini

per i geriatri

PharmaSafe per gli anziani

È interessante notare che lo stesso individuo, tende a conservare lo stesso comportamento nella DMA per tutti i farmaci che assume! D’altra parte va però aggiunto, che ogni farmaco, poi, a sua volta, può infatti comportarsi in modo così diverso da caso a caso divenendo, in taluni soggetti, tossico a causa del suo metabolismo che muta a seconda delle capacità enzimatiche dell’individuo.

L’attività degli enzimi è determinata dai geni che li codificano quindi si comprende che, per conoscere la capacità di DMA di un individuo si deve sottoporre a specifici, sofisticati, ma assolutamente certi, esami genetici.

L’esempio più noto è quello degli anticoagulanti orali ed in particolare del Warfarin che, come tutti gli antagonisti della vitamina K ha un effetto anticoagulante. L’enzima principale responsabile del metabolismo di VKA è il citocromo epatico P450 2C9 le variazioni genetiche che colpiscono sia CYP2C9 sono associate con una significativa diminuzione della dose utile di Warfarin. È noto che variazioni genetiche del CYP2C9 colpisce le farmacocinesi del Warfarin, mentre un altro gene alterato, il VKORC1 ne rallenta la farmacodinamica.


L’esame genetico va ad individuare i polimorfismi dei geni codificanti gli enzimi responsabili del metabolismo dei farmaci.
È pertanto evidente che alterazioni di tali enzimi possono produrre
un rallentamento o un’accelerazione del processo di Distribuzione, Metabolismo ed Eliminazione (DME)
di un farmaco (di ogni farmaco).

PUOI ACQUISTARE IL TUO KIT DIRETTAMENTE ON LINE


COME FUNZIONA

Il polimorfismo genetico negli DMEs dà origine alla formazione di quattro sottogruppi di individui che hanno diversità apprezzabili nella loro capacità di metabolizzare i farmaci per ciascun metabolita attivo o inattivo. Secondo la attuale nomenclatura (Ingelman-Sundberg & Rodriguez-Antona Phil Trans R Soc B 2005; 360:1563-1570 ) questi vanno divisi in 4 categorie di soggetti

PUOI ACQUISTARE IL TUO KIT DIRETTAMENTE ON LINE


COME SI ESEGUE

Questo test viene eseguito in genere dal medico. 
Esiste però la possibilità di auto-praticare il prelievo buccale ed inviare il piccolo campione biologico al laboratorio in modo semplicissimo.

1
2
3
4

A seconda dei risultati dei test genetici il soggetto riceverà,
insieme al referto genetico, una CARD
diversa a seconda della propria capacità di inattivare i farmaci assunti.